15 settembre 2008

Come siamo fragili


Ci sono giorni nella vita in cui non succede niente, giorni che passano senza nulla da ricordare, senza lasciare una traccia, quasi non si fossero vissuti. A pensarci bene, i più sono giorni così, e solo quando il numero di quelli che ci restano si fa chiaramente più limitato, capita di chiedersi come sia stato possibile lasciarne passare, distrattamente, tantissimi. Ma siamo fatti così: solo dopo si apprezza il prima e solo quando qualcosa è nel passato ci si rende meglio conto di come sarebbe averlo nel presente. Ma non c'è più.
da: Lettere contro la guerra di Tiziano Terzani




Il testo della canzone lo trovi: QUI .


Condividi

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget

torna su

http://pallavvelenata.blogspot.com