1 agosto 2010

Al banchetto della miseria



Il vento cala e se ne va
lo stesso vento non agita
due volte lo stesso ramo di ciliegio
gli uccelli cantano nell’albero
ali che voglion volare
la porta è chiusa
bisogna forzarla
bisogna vederti, amor mio,
sia bella come te,
la vita sia amica e amata come te
so che ancora non è finito
il banchetto della miseria
ma finirà.





Il vento cala e se ne va di Nazim Hikmet

Condividi

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget

torna su

http://pallavvelenata.blogspot.com